Nomi delle province cinesi

A livello politico e amministrativo la Cina comunemente intesa in Occidente si limita ai territori internazionalmente riconosciuti della Repubblica Popolare Cinese, ovvero la Cina cosiddetta “continentale” (中国大陆) con l’esclusione di Hong Kong, Macao e Taiwan.

Nel 1997 Hong Kong, e poi nel 1999 anche Macao rientrarono sotto la sovranità cinese rispettivamente dal Regno Unito e dal Portogallo, pur nella formula del “un Paese, due sistemi”. Taiwan invece, nonostante le rivendicazioni cinesi, rimane una “provincia” del tutto autonoma e per molti aspetti antagonista rispetto al governo di Pechino.

Considerando anche le specificità di questi tre casi, dal 20 dicembre 1999 la Cina è suddivisa in 34 aree amministrative: 23 province (省), 5 regioni autonome (自治区), 4 municipalità (直辖市) e 2 Zone Economiche Speciali (特别行政区, SEZ in inglese). Ognuna di queste aree ha a sua volta una abbreviazione, che viene utilizzata per esempio nelle targhe delle automobili o nei documenti.

Nome cineseNome ItalianoAbbreviazioneIn PinyinCentro amministrativoItaliano
北京市Pechino (municipalità)Jīng北京Pechino
天津市Tianjin (municipalità)Jīn天津Tianjin
河北省Hebei石家庄Shijiazhuang
山西省ShanxiJìn太原Taiyuan
内蒙古自治区Mongolia Interna内蒙古Nèimēnggǔ呼和浩特Hohhot
辽宁省LiaoningLiáo沈阳Shenyang
吉林省Jilin长春Changchun
黑龙江省HeilogjiangHēi哈尔滨Harbin
上海市Shanghai (municipalità)上海Shanghai
江苏省Jiangsu南京Nanjing (Nanchino)
浙江省ZhejiangZhè杭州Hangzhou
安徽省AnhuiWǎn合肥Hefei
福建省FujianMǐn福州Fuzhou
江西省JiangxiGàn南昌Nanchang
山东省Shandong济南Jinan
河南省Henan郑州Zhengzhou
湖北省HubeiÈ武汉Wuhan
湖南省HunanXiāng长沙Changsha
广东省GuangdongYuè广州Guangzhou (Canton)
广西壮族自治区Guangxi (regione autonoma)Guì南宁Nanning
海南省HainanQióng海口Haikou
四川省Sichuan川 / 蜀Chuān / Shǔ成都Chengdu
贵州省Guizhou贵 / 黔Guì / Qián贵阳Guiyang
云南省Yunnan云 / 滇Yún / Diān昆明Kunming
重庆市Chongqing (municipalità)重庆Chongqing
西藏自治区Xizang (Tibet, regione autonoma)Cáng / Zàng拉萨Lhasa
陕西省Shaanxi陕 / 秦Shǎn / Qín西安Xi’an
甘肃省Gansu甘 / 陇Gān / Lǒng兰州Lanzhou
青海省QinghaiQīng西宁Xining
宁夏回族自治区Ningxia (regione autonoma)Níng / Nìng银川Yinchuan
新疆维吾尔自治区Xinjiang (regione autonoma)Xīn乌鲁木齐Urumqi
香港特别行政区Xianggang (Hong Kong)Gǎng香港Hong Kong
澳门特别行政区Aomen (Macao)Ào澳门Macao
台湾省TaiwanTái台北Taibei

Le origini dei nomi delle province, così come quelle delle loro abbreviazioni, sono legati a caratteristiche di tipo geografico, antropiche o storico.

Origini dei nomi 

Pechino – 北京市 – abbreviato:京

  • Il primo nome di Pechino è stato “蓟 (Jì)”, era il nome della capitale del regno di Yanguo (燕国) nel periodo degli Stati Combattenti. La stessa città prese poi il nome di Yanjing (燕京) durante le dinastie Liao e Jin. L’attuale nome, che significa “capitale del nord”, risale alla dinastia Ming, quando la capitale venne spostata da Nanjing, la “capitale del sud”.

Tianjin – 天津市 – abbreviato: 津

  • Uno dei primi nomi di questa città, risalente a prima delle dinastie Tang e Song, era Zhigu (直沽). Successivamente, in epoca Jin i nuclei abitati si fusero in una città chiamata “Zhugusai” (直沽寨), mentre la prima traccia del nome attuale, risale all’epoca Yuan, con “Jinhai zhen”” (津海镇). Nel 1404 prese il nome di Tianjinwei, un riferimento al “molo percorso dal figlio del Cielo”.

Hebei – 河北省 – abbreviazione: 冀

  • Significa “a nord del Fiume Giallo”, ed è la controparte settentrionale dello Henan. Il nome è chiaramente descrittivo e risale all’epoca Tang, sede degli antichi stati Yan (燕国) e Zhao (赵国), che a loro volta hanno lasciato tracce nella toponomastica (in particolare a Pechino, spesso indicata da 燕). L’abbreviazione deriva da un riferimento al Jizhou (冀州), uno dei nove territori nei quali era stato suddiviso l’impero Han, che l’antico testo Shangshu situa nei territori dello Hebei.

Shanxi – 山西省 – abbreviazione: 晋

  • Significa “ovest della montagna”, ed è la controparte occidentale dello Shandong. Il nome attuale, dopo una evoluzione di secoli, è attestato sin da epoca Yuan, quando il nome completo era Shanxi Hedong Dao (山西河东道, “regione a ovest della montagna e a est del fiume”). L’abbreviazione fa riferimento all’antico Stato di Jin.

Mongolia Interna – 内蒙古自治区 – abbreviazione: 内蒙古

  • Il nome “completo” sarebbe “Mongolia a sud del deserto del Gobi”; la sua storia è legata a quella della Mongolia, il cui nome diventa quindi “Mongolia esterna”.

Liaoning – 辽宁省 – abbreviazione: 辽

  • Il nome è la contrazione di “辽河流域永久安宁” (“tranquillità senza fine nel bacino del Fiume Liao”). Il riferimento al fiume Liao risale già all’epoca Qin, con la suddivisione in “a est del fiume” e “a ovest del fiume”. La denominazione attuale è stata stabilita soltanto nel 1929.

Jilin – 吉林省 – abbreviazione: 吉

  • “Foresta propizia”, tratto dal nome in lingua Man “Jilin Wula” (吉林乌拉), il cui significato rimanda al “costeggiare il fiume Songhua”, poi abbreviato nel nome attuale. L’origine data al 1673, quando fu fondata la città omonima di Jilin.

Heilongjiang – 黑龙江省 – abbreviazione: 黑

  • “Fiume Drago Nero” è il nome cinese di un importante fiume asiatico, in Occidente meglio conosciuto come Amur, che costituisce il confine nordorientale con la Russia. A sua volta il nome cinese deriverebbe dal colore scuro delle acque limacciose del fiume. Questo aveva in passato anche altri nomi; quello attuale è citato negli annali di epoca Yuan. Il nome attuale della provincia si è affermato all’inizio dell’epoca Qing.

Shanghai – 上海市 – abbreviazione: 沪 oppure 申

  • Già dal periodo Song esisteva un fiorente centro urbano dedito al commercio navale, e il nome era già Shanghai (“sul mare”); l’area era distribuita su otto rive, la più importante delle quali, quella occidentale, era il villaggio di Shanghaizhen. Nel 1292 il villaggio fu “promosso” a dipartimento, ed è da allora che assunse il nome attuale. L’abbreviazione deriva dal “du” (扈, di cui è omofono), un sistema di pesca sviluppato nella zona di Wusong, a ridosso del mare, già all’epoca dei Jin Occidentali. L’altra abbreviazione, Shen (申) deriva dal nome dal generale Chun Shen (春申君), primo ministro dello stato Chu.

Jiangsu – 江苏省 – abbreviazione: 苏

  • L’origine di questo nome è da cercarsi dalla fusione di “江宁”, a sua volta derivante dal “Fiume (Azzurro)”, un antico nome di Nanjing risalente alla dinastia Jin e “苏州”, l’importante città di Suzhou. Il territorio in epoca Tang era distribuito soprattutto tra la zona del sud-est del Fiume Azzurro e il territorio di Huainan (a sud del fiume Huai). La provincia era stata suddivisa in due dopo la fondazione della nuova Cina, per poi essere definitivamente riunita.

Zhejiang – 浙江省 – abbreviazione: 浙

  • Si tratta della provincia dalla quale proviene la maggior parte degli immigrati cinesi in Italia. Significa “Fiume Zhe”, e chiaramente ne prende il nome, anche se il fiume stesso è chiamato anche “Qiantang he” (钱塘江). Durante la dinastia Tang era stata istituita una suddivisione amministrativa in due territori rispettivamente ad est e ad ovest del fiume, e varie ripartizioni del territorio basate sulla riva destra e sinistra sono state mantenute per secoli. Il nome attuale si è stabilzzato in epoca Qing.

Anhui – 安徽省 – abbreviazione: 皖

  • Il nome deriva dall’unione dei primi caratteri della città di Anqing (安庆) e dell’antica città di Huizhou (徽州), mentre l’abbreviazione deriva dal nome di una montagna situata all’interno del territorio, 皖山 (Wanshan). Anche questa provincia ha subito delle trasformazioni territoriali e di suddivisione amministrativa, per esempio durante la dinastia Qing era stata rinominata Jiangnan (a sud del Fiume Azzurro); durante i primi anni della Repubblica Popolare Cinese era stata suddivisa nei due territori di Wanbei e Wannan, per poi essere unificata nell’attuale nome e terrotorio.

Fujiian – 福建省 – abbreviazione: 闽

  • Prende il nome da un grande fiume che scorre al suo interno, ed è composto dai primi caratteri di Fuzhou (福州, il capoluogo) e Jianzhou (建州). Al suo interno scorre un fiume dal nome Min (闽江), che peraltro dà il nome anche al popolo Min e alla relativa lingua.

Jiangxi – 江西省 – abbreviazione:赣

  • Il suo nome significa “a Ovest del Fiume”, è stato istituito con questo nome nel 733, e prende il nome dalla “zona occidentale” del Jiangnan (“a sud del fiume”). L’abbreviazione deriva dal nome di un fiume che attraversa il territorio da sud a nord, il Ganjiang (赣江),  affluente del Fiume Azzurro, importante già dall’antichità.

Shandong – 山东省 – abbreviazione: 鲁

  • Significa “a Est delle montagne”, ed è un nome storico, attestato già dal periodo degli Stati Combattenti per indicare la regione ad est dei monti Huashan e Taihangshan. L’abbreviazione deriva da uno degli Stati più importanti che avevano sede nel suo attuale territorio, il Luguo (鲁国), risalente al Periodo delle primavere e degli autunni.

Henan – 河南省 – abbreviazione: 豫

  • Significa “a sud del Fiume Giallo”. L’abbreviazione deriva dal nome originario della provincia di Xiangzhou (豫州) istituita dal leggendario imperatore Yu il Grande, mentre il nome attuale è datato già dall’epoca Han. 

Hubei – 湖北省 – abbreviazione: 鄂

  • Soprannominata anche “provincia dai diecimila laghi”, significa “a nord del lago”, con riferimento al lago Dongtang, pertanto questa provincia forma una coppia con lo Hunan. L’abbreviazione deriva invece dal Regno di E, Stato vassallo della dinastia Shang. In questi territori aveva sede anche l’antico Stato del Chuguo (楚国).

Hunan – 湖南省 – abbreviazione: 湘

  • Il nome significa “a sud del lago”, in riferimento al lago Dongting afferente al Fiume Azzurro. Ha iniziato a chiamarsi in questo modo durante la dinastia Tang; durante la dinastia Ming il territorio prese il nome di Huguang (湖广), per poi essere convertito all’attuale Hunan. La sua abbreviazione, come in altri casi, deriva da un fiume, lo Xiangjiang (湘江).

Guandong – 广东省 – abbreviazione: 粤

  • “Grande est”. Un primo cenno di questa denominazione risale all’epoca Han, quando una vasta regione meridionale della Cina era chiamata Guangxin (广信县); il riferimento alla vastità era contenuto in altre denominazioni posteriori, fino all’anno 997 in cui fu istituito il Guangnan Donglu (“regione est dell’ampio sud”, 广南东路), abbreviato quindi in Guangdong. L’abbreviazione 粤 (yue) deriva invece da una variante omofona del nome “Nanyue” (南越), riferito ad una regione e Stato di epoca Han, che comprendeva l’attuale Guandong, Guangxi e altri territori. Da questa provincia deriva il nome “Canton”, che però dovrebbe essere riferito alla sola città di Guangzhou, la capitale.

Guangxi – 广西壮族自治区 – abbreviazione: 桂

  • La storia di questo nome è strettamente legata a quella del Guandong, del quale costituisce la controparte occidentale. Nel corso della storia c’è stata un’evoluzione nel nome da Guangxi (“ampio occidente”) a Guangnan (“ampio meridione”) per poi stabilizzarsi nel nome attuale in epoca Song. L’abbreviazione deriva dal primo dei due caratteri della città di Guilin (桂林), che a sua volta era la capitale di una ampia prefettura omonima già in epoca Qin.

Hainan – 海南省 – abbreviazione: 琼

  • Il nome di questa provincia tutta insulare deriva da quello della sua isola maggiore, Hainandao (海南岛, “isola a sud del mare”). Altri nomi di epoca antica sono stati Zhuya (珠崖), Dan’er (儋耳), Qiongtai (琼台). Il primo dei tre nomi fa riferimento alle perle di cui era ricca la prefettura “in riva al mare”, la seconda ad un’usanza dei popoli indigeni di adornarsi con vistosi orecchini, la terza – da cui proviene l’abbreviazione – alla “magnifica montagna” (琼山) dalla quale veniva estratta una ricercata roccia bianca.

Sichuan – 四川省 – abbreviazione: 川 oppure 蜀

  • Il nome ” le quattro fiuviali” risale all’epoca dei Song Settentrionali, quando indicava le quattro prefetture che insisitevano nella zona del bacino del Fiume azzurro. La vasta regione denominata Chuanshanlu (川峡路), che comprende gli attuali Sichuan e lo Shaanxi, venne suddivisa in quattro prefetture, tutte connesse alle gole del fiume (川峡四路). Da questo, per abbreviazione, nacque il nome attuale. L’abbreviazione 蜀, usata più raramente di 川, si riferisce all’antico Stato dello Shuguo (蜀国), situato nella provincia attuale, e assorbito in epoca Qin.

Guizhou – 贵州省 – abbreviazione: 贵 oppure 黔

  • Sebbene la storia di questa provincia inizi in età paleolitica, la sua costituzione come provincia è invece relativamente recente (risale all’epoca di Yongle, quindi circa 600 anni fa). La prima attestazione del nome (“Territorio di gran valore”) risale all’epoca Song, ma gli studiosi non sono unanimi nello stabilirne l’etimo, che potrebbe riferirsi a un capo tribù, ma anche da una variante “migliorativa” del nome uno Stato retto dagli Yi, il Luoshi Guiguo” (罗氏鬼国), propriamente “Stato dei demoni dei Luo”. L’abbreviazione deriva dall’antica prefettura del Qiangzhong Jun (黔中郡).

Yunnan – 云南省 – abbreviazione: 云 oppure 滇

  • Il nome significa “a sud delle nuvole”, ma è la contrazione di 云岭之南, “a sud dei Monti Yunling (le montagne delle nuvole)”. La provincia era stata istituita già in epoca Han con questo nome, anche se poi ci sono state delle evoluzioni. La denominazione attuale ritorna poi in epoca Yuan, per proseguire con piccole variazioni sino ad adesso. L’abbreviazione deriva dallo Stato del Dianguo (滇国) fondato nel 277 a.C.

Chongqing – 重庆市 – abbreviazione: 渝 oppure 巴

  • In epoca Qin si chiamava Jiangzhou (江州), per poi essere chiatata Yuzhou (渝州, da cui la sua abbreviazione più frequente) in epoca Sui. Il nome della città a quel tempo era Gongzhou (恭州), un nome augurale, e quando il nuovo imperatore Song ascese al trono nel 1190 mutò il nome in “Chongqing” (“celebrazione rinnovata”), dal senso di “Doppia celebrazione festiva” (“双重喜庆”). L’altra abbreviazione comune deriva dallo stato del Baguo (巴国), del quale l’attuale metropoli era la capitale; tale stato, insieme allo Shuguo (蜀国), formava un’entità statutale, il Bashu (巴蜀), il cui territorio copriva l’attuale Sichuan.

Tibet (Xizang) – 西藏自治区 – abbreviazione: 藏

  • Il nome “Xizang” è attestato a partire dall’epoca Qing e attualmente si riferisce all’intera regione autonoma, che in lingua tibetana è invece chiamata “Bodljong”. Nei secoli precedenti aveva nomi del tutto diversi, ma una prima traccia del carattere 藏 risale all’epoca Song e Yuan nel nome “乌斯藏”. In Occidente è conosciuto come “Tibet”, derivato invece dal nome cinese antico Tubo (吐蕃) poi modificato dalle lingue centroasiatiche della famiglia turca.

Shaanxi – 陕西省 – abbreviazione: 陕 oppure 秦

  • Una particolarità del nome di questa provincia riguarda la trascrizione in pinyin: 陕 è pronunciato “shǎn”, ma la consuetudine di non indicare i toni ne ridurrebbe la trascrizione in “shan”. Questo creerebbe ambiguità con il nome dello Shanxi (山西), così è stata formulata una trascrizione apposita “Shaan” che non ha altre occorrenze in cinese. Il nome, che significa “ad ovest della gola del fiume Giallo”, deriva dal nome di un antico luogo, Shanyuan (陕原). La zona ad ovest della relativa pianura era stata conquistata dal Duca di Shao e da lì prese il nome di 陕原之西, poi abbreviato in 陕西. L’abbreviazione fa riferimento ai Monti Qin (秦岭) già dall’antichità.

Gansu – 甘肃省 – abbreviazione: 甘 oppure 陇

  • Il nome di questa provincia è formato dall’unione dei caratteri Gan (in Ganzhou, 甘州, attuale Zhangye) e Su (in Suzhou, 肃州, attuale Jiuquan). Si tratta di due luoghi storici, e il nome è attestato dall’epoca degli Xia Occidentali, con la guarnigione di Gansu. L’abbreviazione (陇) si riferisce alle alture presenti diffusamente nella provincia; da questo nome deriva anche la città di Longxi e i monti Longshan.

Qinghai – 青海省 – abbreviazione: 青

  • Il nome, “mare blu”, deriva dal nome del grande lago omonimo, senza emissari e quindi salato. Le prime tracce del nome riferito alla provincia risalgono all’epoca successiva ai Tang, quando la città di Xining, che oggi è la capitale, prese il nome di Qingtang, con il riferimento alla vegetazione rigogliosa dell’altopiano. Il nome attuale si è affermato durante la dinastia Qing.

Ningxia – 宁夏回族自治区 – abbreviazione: 宁

  • Il suo nome ha un’origine più recente rispetto a molte altre provincie, risalendo alla dinastia Yuan; fa riferimento al regno degli Xixia (西夏), che occupava parte dell’attuale Ningxia, del Gansu e dello Shaanxi. Questa provincia è stata per lungo tempo inclusa nel territorio del Gansu, per poi esserne separata come regione autonoma con riferimento alla minoranza etnica Hui.

Xinjiang – 新疆维吾尔自治区 – abbreviazione: 新

  • Il significato è “nuovo confine” o “nuovo territorio”, e in effetti deriva da “antico territorio annesso recentemente”. Durante la dinastia Tang era chiamato Xiyu (西域, territori occidentali); i due territori separati dei periodi Yuan e Ming furono poi unificati in epoca Qing in un’unica regione, la Huijiang, per poi prendere la definizione di “territorio recentemente incluso (新辟疆土)”, contratto appunto in Xinjiang. Il nome attuale fa riferimento all’etnia degli Uiguri.

Xianggang (Hongkong) – 香港特别行政区 – abbreviazione: 港

  • In cinese significa “porto profumato” oppure “porto delle spezie” ed è proninciato “Xianggang”. Ha iniziato ad essere identificata con questo nome dopo le epoche Song e Yuan, quando fiorì un piccolo villaggio situato probabilmente su un’isola omonima. Il centro commerciale smerciava in prevalenza spezie che venivano inviate nelle regioni circostanti, e il nome dello snodo portuale faceva appunto riferimento alle spezie. Il nome è poi ben attestato in epoca Ming. La versione occidentale del nome, Hong Kong, deriva dall’evoluzione della trascrizione in inglese della pronuncia locale a metà Ottocento, o – come indica una mappa inglese del 1810 – dal “fiume rosso” (Hong Jiang).

Aomen (Macao) – 澳门特别行政区 – abbreviazione: 澳

  • Il nome di Macao (“porta della baia”) è registrato per la prima volta su dei testi di storia di epoca Ming, in cui inizialmente ha grafia “Hao Jing” (蚝镜), col senso di “la baia luccica come uno specchio”. Successivamente al nome fu aggiunto l’attuale Ao (澳) con il significato di “golfo, baia”. Il carattere “porta” potrebbe riferirsi a un tempio orientato nella direzione del porto, o comunque alla conformazione di altre antiche strutture. Il nome occidentale sembra avere origine dalla trascrizione in portoghese di inizio XVI secolo della pronuncia locale del locale tempio di A-Ma (妈阁, letto “Makok”).

Taiwan – 台湾省 – abbreviazione: 台

  • Il nome, “golfo di Tai”, dipende da nome che il gruppo etnico aborigeno dei Pingpu dava al territorio da loro controllato, “golfo di Taiwu” (台窝湾), col significato appunto di “zone costiere”. Il nome attuale è stato introdotto formalmente durante il regno dell’imperatore Wang Li della dinastia Ming, ufficializzando un uso già comune.

Immagine: una mappa della Cina dopo il Periodo delle primavere e gli autunni. Fonte: qua, modificata.