334-7156315 info@cinaliano.it
Traduzione e interpretariato cinese e italiano

Un piatto vuoto contro gli sprechi

Pasti funzionari pubblici cinesi

In Cina i banchetti ufficiali o di lavoro hanno di norma un numero di portate sproporzionato al numero dei commensali. Si ritiene infatti che ostentare liberalità a tavola ben oltre le effettive capacità di consumo sia uno dei modi migliori per ricevere ospiti o persone di riguardo.

Ne deriva però un continuo spreco di cibo, che aggiunto a quello dovuto alla scarsa efficienza demetodi di produzione, conservazione, lavorazione, spedizione e consumo, raggiunge 50 milioni di tonnellate all’anno, una cifra considerata eccessiva per un Paese che fino a pochi decenni fa ha affrontato pesanti carestie. Il neopresidente del partito comunista, Xi Jinping, a questo proposito, ha invitato i quadri del partito a limitare gli sprechi accontentandosi di pasti più semplici, nell’intento di limitare (anche) nell’apparenza gli eccessi tanto criticati dalla pubblica opinione.

In preparazione delle festività legate all’anno nuovo cinese, periodo durante il quale abbondano pranzi e cene sontuose, si sono di conseguenza moltiplicate le iniziative a sostegno della moderazione nei consumi, tra cui quella promossa dal vicediretore del Giornale delle Risorse Naturali Nazionali, Xu Xiake. Il giornalista ha lanciato il “Movimento piatti vuoti” (光盘行动) che invita a non lasciare avanzi al ristorante, di ordinare quanto basta e aggiungere portate solo se effettivamente necessario.

Il consiglio è di semplice buonsenso, ma forse anche per questo l’iniziativa sta riscuotendo un successo crescente, e come molte altre campagne per la “buona educazione” anche questa è stata appoggiata da importanti amministrazioni e organi di informazione, con la creazione di slogan e di ulteriori iniziative. Una galleria della Xinhua mostra una tavola imbandita colma di piatti del tutto vuotati e commenta incredula la scena

Immagine: un piatto di ceramica tradizionale con sul fondo l’iscrizione calligrafata “Virtù”. Lo slogan in alto, poi riassunto in rosso, è “Se mangi tutto potrai vedere la virtù”. Fonte: qua