334-7156315 info@cinaliano.it
Traduzione e interpretariato cinese e italiano

La “tribù delle teste basse”

Telefonino cinese - mobile

Dopo un lungo periodo di centralizzazione e sostanziale monopolio del flusso di informazioni dalle autorità politiche ai cittadini, le generazioni attuali stanno via via cominciando a beneficiare della libertà e autonomia insite in internet, veicolata soprattutto dai dispositivi elettronici di ultima generazione, come smartphones e tablet.

Questo radicale cambiamento di abitudini e di prospettiva, oltre a conseguenze sociali in senso ampio, ha modificato le abitudini quotidiane di larga parte delle nuove generazioni, generando in molti utenti una dipendenza di tipo quasi patologico dai loro telefonini, specialmente relativamente alla consultazione compulsiva di siti e servizi “social”.

Anche in Cina le persone che ad ogni occasione chinano la testa sul loro terminale, estraniandosi dal mondo circostante, vengono chiamate “tribù delle teste basse” (低头族). Secondo la spiegazione di Baike, il fenomeno – tipico comunque di tutto l’Occidente – deriva anche dalla parcellizzazione del tempo libero e, in particolare in Cina, dai lunghi percorsi che si passa sui mezzi di trasporto nelle giganti città cinesi.

La vignetta qui sopra (fonte) mostra una efficace panoramica delle proncipali attività che appassionano gli utilizzatori cinesi di smartphone e tablet. Si possono leggere: chattare su QQ, informarsi, guardare video, andare su Taobao (un sito di shopping simile a eBay), giocare con videogame, fare foto, leggere ebooks, controllare il profilo weibo, ascoltare musica.

Se tutto questo avviene su uno schermo, è comprensibile abbassare la testa, e che ci si estranei dall’ambiente circostante. Come lamenta il Chongqing Ribao, si tratta di una cattiva abitudine, che oltretutto mette in pericolo le persone.

Pechino - telefonino

Nell’immagine, un giovane papà al Tempio del Sole di Pechino, del tutto assorto nella lettura del suo schermio. Tratta da una galleria fotografica della Xinhua intitolata “alza la testa e guardami”.