334-7156315 info@cinaliano.it
Traduzione e interpretariato cinese e italiano

Il nome in cinese – 中文名字

Scegliere un nome

nome in cinese

chinese name

nomi occidentali + cinese

Digitando nei più diffusi motori di ricerca una di queste combinazioni di parole chiave, in pochi secondi compaiono siti internet e pagine web che, senza troppe spiegazioni o approfondimenti, forniscono la versione scritta in caratteri di un qualsiasi nome occidentale.

Ad un occhio attento, nel navigare in pagine diverse, non può sfuggire che esistono versioni differenti del medesimo nome. Trattasi di errore?

No. Non ci sono inesattezze o ciarlatani dietro le possibili traduzioni diverse di uno stesso nome.

Occorre fare un passo alla volta ricostruendo il percorso da seguire per la traduzione da una lingua alfabetica a caratteri latini ad una lingua non alfabetica basata su caratteri cinesi.

Come spiegato in precedenza, la lingua cinese non possiede alfabeto, di conseguenza, non è fattibile una traslitterazione immediata e semplice delle singole lettere che compongono un classico nome italiano.

Ciascun carattere cinese, di fatto, corrisponde ad una sillaba, portatrice di suono e di significato.

Ad esempio:

  • 家 → jia → casa
  • 美 → mei → bello
  • 强 → qiang → forte

A questo punto si aprono due strade: la prima è una traduzione strettamente fonetica del proprio nome senza tener conto di come sono composti i nomi cinesi in madrepatria; la seconda è la costruzione di un nome cinese vero e proprio.

  1. Traslitterazione fonetica

Nel passaggio da un sistema alfabetico a uno sillabico, per prima cosa bisogna scindere il nome da tradurre in sillabe (Attenzione che la sillabazione cinese non è identica a quella italiana: per qualche informazione a riguardo ).

Ad esempio:

  • Luca → LU – CA
  • Maria → MA – RI – A
  • Davide → DA – VI – DE

Una volta fatta la suddivisione, si sceglie tra le sillabe cinesi quelle la cui pronuncia è simile (almeno ad un orecchio occidentale) al nome che si vuole riprodurre.

  • LU – CA → LU – KA
  • MA – RI – A →  MA – LI – YA
  • DA – VI – DE →  DA – WEI – DE

Seguendo questo percorso, bisogna tenere conto che la fonetica cinese, essendo diversa da quella italiana, non potrà mai produrre una sillaba esattamente identica a quella del nome di partenza, ma potrà richiamarne il suono con differenze più o meno marcate (pensiamo alla classica trasformazione della R in L).

Nel caso di sillabe non presenti in cinese (come i nessi consonantici CR – GL oppure le doppie SS-NN), si tenderà a modificare l’originale cercando di mantenere il più possibile un suono familiare.

  • Cristina → CRI – STI – NA → KE – LI – SI – DI – NA
  • Rosanna → RO – SAN – NA → LUO – SA – NA

Per le modifiche necessarie all’adattamento tra una lingua e l’altra c’è una prassi tendenzialmente usata, non delle regole ferree da seguire alla lettera. Per questo motivo si trovano varianti anche molto diverse dello stesso nome. Altra specifica doverosa, la traduzione fatta in questo modo non dà alcun significato al nuovo nome, essendo soltanto una serie di suoni affiancati: per un nativo cinese non sarà di certo difficile capire che si tratta di un nome occidentale “cinesizzato” alla buona.

Dopo la scelta del suono delle sillabe, si passa al corrispettivo grafico. Infatti in cinese, al medesimo suono, possono corrispondere caratteri tracciati in modi differenti.

Ad esempio:

LU – CA → LU – KA → 卢卡 oppure 璐咖 (oppure altro ancora)

La traslitterazione fonetica è il metodo utilizzato per scrivere in caratteri i nomi occidentali dei personaggi famosi, come per esempio politici, cantanti, scrittori e via dicendo.

Eccone tre esempi:

  • Barack Obama → BEI– LA – KE – AO – BA – MA  → 贝拉克·奥巴马 (il pallino separa il nome dal cognome)
  • Madonna → MA – DAN – NA → 玛丹娜
  • Shakespeare → SHA – SHI – BI –YA → 莎士比亚

Per le persone singole o i marchi di aziende la scelta è del tutto autonoma, ci si può affidare alla traduzione del suono oppure si può tentare la seconda via, per certi versi decisamente interessante.

  1. Costruzione di un nome cinese vero e proprio

Se invece di rendere il suono esatto del proprio nome, si opta per una versione che non stoni all’udito orientale, è bene seguire le regole a cui si attengono gli stessi cinesi.

Quindi pochi caratteri, al massimo 3 o 4 compresi nome e cognome (in cinese non esistono nomi-fiume come Massimiliano o Alessandra), attenzione maniacale al significato dei simboli scelti e cura nel suono e della resa estetica finale del tutto. Si evitano sillabe con omofoni che richiamano parole sgradevoli, e si predilige un carattere incantevole alla vista: ne avevamo già parlato.

Questa alternativa è più adatta a chi si reca in Cina per lavoro, studio o affari, e per tutti coloro che devono in qualche maniera entrare in vivo contatto con il paese stesso e i suoi abitanti. Rimanendo in un posto a lungo termine, per integrarsi e capire meglio dove ci si trova, non è secondario informarsi riguardo le abitudini e i costumi culturali locali.

Essendo molto sentita nel territorio cinese la questione del nome proprio (ben lo sanno brand internazionali quali Nike, Walmart o Ikea che hanno deciso di invadere il mercato con i loro prodotti), scegliersi un buon nome è sinonimo di attenzione e interesse verso un aspetto della tradizione da non sottovalutare in vista di una futura relazione fruttuosa.

Di seguito sono indicati una serie di link dove trovare le trascrizioni più diffuse e divertirsi a dare un’occhiata a possibili versioni diverse del proprio nome in caratteri cinesi:

Nel caso invece, si fosse più arditi e si volesse provare a “costruirne” uno a proprio piacimento, ecco qualche suggerimento ad hoc:

Ricordando che in Cina il nome proprio è considerato fattore di vitale influenza sul proprio destino, val la pena di investire qualche attimo di preziosissimo tempo per scegliere la propria versione, in modo da propiziarsi, perché no, una qualche forma di fortuna. E anche perché il nome è il proprio biglietto da visita quando ci si presenta. Spesso e volentieri, la prima impressione è quella che conta.

Immagine: fonte, modificata.