334-7156315 info@cinaliano.it
Traduzione e interpretariato cinese e italiano

Nuovo esame per la patente cinese

Il 1 gennaio è entrato in vigore in Cina il nuovo codice per il conseguimento della patente di guida: tra le novità, un più completo sistema di “punti”, che sanzionano le infrazioni più gravi, e un meccanismo di esame più rigoroso.

Visto che spesso la promozione viene comprata illegalmente, una maggiore severità non può che produrre un miglioramento della qualità media dei guidatori cinesi. In un articolo della Xinhua si commenta proprio la differenza di atteggiamento verso le nuove norme. Ecco un estratto del pezzo.

La difficoltà dell’esame per ottenere la patente deriva da una preoccupazione per la sicurezza: in Canada e Europa la prova su strada dura almeno 45 minuti, e in Francia e Inghilterra il tasso di superamento è tra il 30% e il 50%: questo vuol dire che il tasso cinese, troppo elevato, non era normale. Dopo l’entrata in vigore del nuovo regolamento, l’esame è stato valutato di grande difficoltà sia da parte degli esaminandi che dei docenti.

Tuttavia proprio questa difficoltà è condierata positivamente proprio da chi sta imparando a guidare. Fino ad adesso infatti l’impostazione generale dei corsi per la patente era quella di memorizzare meccanicamente le risposte, un metodo relativamente efficace per superare l’esame, ma pericoloso una volta sulla strada. Per non parlare dei metodi con i quali si impara a guidare e gli stili di guida, che l’autore del pezzo definisce “quasi criminali”.

Oltretutto, il metodo di insegnamento fino ad poco tempo fa prevedeva un ambiente di  esame dotato di varie agevolazioni e poco aderente alla reale situazione stradale, per cui il neopatentato, appena guidava nelle caotiche strade cinesi, si trovava molto disorientato. Secondo le nuove regole, invece, il test di guida si dovrà svolgere su un tracciato realistico: la conseguenza sarà il fallimento di numerosi aspiranti con preparazione inadeguata.

Le scuole guida orientate al semplice superamento dell’esame producono in pratica guidatori in possesso dei requisiti formali ma inesperti, che imparano sulla strada per prove ed errori (吃一堑长一智), causando ingorghi e incidenti. Bisognerebbe convincere quindi chi si appresta a prendere la patente a non temere il dispendio di tempo ed energie per prepararsi bene, investendo sulla loro stessa sicurezza e rischiando di meno una volta alla guida dell’auto.