334-7156315 info@cinaliano.it
Traduzione e interpretariato cinese e italiano

Come cercare caratteri su un dizionario cinese

Quando si inizia a studiare cinese, una delle prime esigenze è quella di consultare un dizionario: i caratteri da memorizzare sono tanti, ed è facile dimenticarne la pronuncia, il significato o la forma. I dizionari cinesi moderni sono organizzati in ordine alfabetico, e se si conosce già la pronuncia di un dato carattere, lo si trova abbastanza facilmente.

Il problema nasce però se la pronuncia non si conosce o la si è dimenticata: allora è quasi impossibile trovare il carattere in questione. Per questo motivo, nei dizionari cinesi, sia bilingue che monolingua, si trova una lunga sezione iniziale che fa da indice dei caratteri. In questa sezione i caratteri non sono ordinati secondo l’ordine alfabetico, ma secondo la loro forma, ed è questa che si deve cercare per prima cosa.

Facciamo un esempio, e immaginiamo di volere cercare il seguente carattere:

1) Osserviamo che è possibile scomporlo in due parti: una a sinistra, e una a destra. La parte a sinistra si chiama “radicale” o “chiave” (si può trovare in posizioni diverse):

沐 → 氵

2) Contiamo quanti tratti di penna occorrono per tracciarlo:

→ 3 tratti

3) Consultiamo l’indice dei radicali: in quasi tutti i dizionari si trova tra le prime pagine, e li elenca in ordine di numero di tratti (画). Andiamo alla sezione che raccoglie tutti i radicali composti da tre tratti (三画): nel nostro caso, quello che cerchiamo è il primo.

Radicali dei caratteri cinesi in un vocabolario

4) Il numero accanto al radicale indica la pagina (sempre dell’indice) alla quale bisogna andare per il prossimo passo. In quella pagina ritroviamo il radicale che stiamo esaminando, e sotto di esso sono elencati tutti i caratteri che esso può “generare”, ordinati per numero di tratti rimanenti che occorrono per tracciarli.

5) Contiamo quindi quanti tratti contiene la parte rimanente del nostro carattere. Nel nostro caso, tolto quindi il radicale, rimangono 4 tratti.

沐 → 木

6) Cerchiamo nella pagina il radicale (di solito è ben segnalato). Il carattere che stiamo cercando si trova allora tra quelli con 4 tratti aggiuntivi (四画).

Radicale acqua in un dizionario di cinese

7) Accanto al carattere c’è un numero: è la pagina del dizionario in cui esso si trova. Andiamo allora a quella pagina. In alcuni dizionari non è indicata la pagina, ma la pronuncia: in questo caso, cerchiamo in ordine alfabetico quella sillaba.

8) Adesso non resta che dare un’occhiata alla pagina per trovare finalmente il carattere e la sua spiegazione.

Il carattere che cercavamo sul dizionario

***

La posizione del radicale non è sempre la stessa: di solito si trova nella parte sinistra o in alto, ma in altri casi si trova in basso, o intorno:

 sulla sinistra
 宀 in alto
 in basso
→ 囗 intorno

I radicali (部首, bùshǒu) in totale sono circa 214; alcuni dizionari accorpano delle varianti, e si fermano a circa 200. Ecco degli esempi:

da 1 tratto: 一 丨 丿 丶 乚 乙
da 2 tratti: 十 厂 匚 刂 冂 八 人 入 儿 匕 几
da 3 tratti: 囗 山 巾 彳 彡 夕 夂 饣 丬 门 氵 忄 宀

I più complessi hanno fino a 17 tratti: 龜

In origine avevano tutti un significato. Molti sono caratteri essi stessi, come 门 (porta), o 言 (parola); qualcuno invece si incontra solo come componente semantico, in associazione ad altri elementi, come 彡in 形.

La possibilità di scomporre i caratteri in componenti è alla base delle tecniche di compilazione dei dizionari sin dall’epoca Han, ma è stata perfezionato nel corso dei secoli. Il dizionario che ha stabilito i criteri definitivi per redigere l’indice è il Kangxi (1716).